Come fronteggiare un colpo di calore

foto canicola

di Andrea Orlandini, medico d’urgenza

da un articolo apparso sulla Rivista di Lugano 

IL COLPO DI CALORE È CAUSATO DA UN AUMENTO NOTEVOLE DELLA TEMPERATURA CORPOREA, CHE DI NORMA SI PERPETUA RAPIDAMENTE. I MECCANISMI DEPUTATI ALLA TERMOREGOLAZIONE CORPOREA POSSONO COSÌ FALLIRE. LA POPOLAZIONE ANZIANA È PIÙ SOGGETTA, POICHÉ I PROPRI MECCANISMI DI TERMOREGOLAZIONE SONO FISIOLOGICAMENTE MENO PERFORMANTI RISPETTO ALLA GIOVANE ETÀ.

 

I SINTOMI ASSOCIATI AL COLPO DI CALORE SONO: CUTE CALDA, DISIDRATAZIONE, SUDORAZIONE QUASI ABOLITA E INCREMENTO DELLA TEMPERATURA CORPOREA ESTREMAMENTE MARCATO E IMMEDIATAMENTE PERICOLOSO PER LA VITA (SINO A 42°). DI NORMA, SI ASSISTE ALLA COMPARSA DI SEGNALI PREMONITORI QUALI: CONFUSIONE MENTALE, SENSO DI STORDIMENTO, ANNEBBIAMENTO VISIVO, SENSO DI DEBOLEZZA, NAUSEA, TACHICARDIA. L'INCREMENTO TERMICO SOTTOPONE L'ORGANISMO AD UN ELEVATO STRESS, E SE NON TRATTATO RAPIDAMENTE CON ADEGUATE CONTROMISURE PUÒ COMPORTARE SERIE PROBLEMATICHE CLINICHE SINO AL DECESSO.

La strategia di trattamento, da intraprendere il più rapidamente possibile, è mirata ad abbassare la temperatura corporea del paziente: prima si riduce e minori saranno i danni per la salute. Come detto, gli anziani sono i soggetti più a rischio ma anche bambini e obesi sono più sovente colpiti dal colpo di calore. La prevenzione è la prima regola per evitarne l'insorgenza: gli obesi, che hanno rischio sino a tre volte superiore di incorrere nella patologia, mentre anziani e bambini dovranno evitare l'esposizione solare nelle ore più calde oltre ad indossare un vestiario adeguato. Gli anziani in particolare hanno una percezione alterata della temperatura esterna e quindi anche d'estate tenderanno a coprirsi maggiormente rispetto al dovuto, favorendo il proprio surriscaldamento. Per tutti è fondamentale idratarsi abbondantemente con liquidi temperatura ambiente o freschi ma possibilmente non freddi, consumare tanta frutta e verdura (ricche in vitamine e sali minerali). Per tutti è sconsigliato il consumo di bevande alcoliche poiché hanno potere diuretico.
Oltre alla temperatura ambientale è fondamentale considerare i livelli di umidità. La maggior parte dei casi di colpi di calore infatti si verifica con tassi di umidità superiori al 90%. L'umidità limita l'eliminazione del calore mediante la sudorazione.

Sport di buon mattino
Chi pratica sport in estate ha un rischio maggiore di sviluppare un colpo di calore. Il calore prodotto dall'intensa attività muscolare non riesce ad essere eliminato con il normale meccanismo della sudorazione (specialmente in condizioni di alta umidità ambientale). Inoltre, al pari della importante disidratazione da sudorazione sviluppata e all'incremento della temperatura corporea, si assiste a un pericoloso depauperamento di sali minerali, fondamentali per il corretto funzionamento di cuore, cervello e ogni organo umano.
I suggerimenti sono quindi:
- indossare abiti leggeri, tecnici, altamente traspiranti in grado di favorire l'eliminazione del calore;
- assumere bevande idratanti (con buon contenuto di sali minerali) prima, durante e dopo lo sforzo fisico;

- evitare le ore più calde della giornata per svolgere sport privilegiando le prime ore del mattino.

Che cosa fare...
Qualora ci trovassimo al cospetto di una vittima da colpo di calore è fondamentale riconoscerne la natura in base ai sintomi:
- temperatura elevata
- assenza di sudorazione, confusione mentale, capogiri, tachicardia ci indirizzano al sospetto della patologia. In quel caso occorre allarmare i soccorsi mediante la chiamata al 144 e seguire le indicazioni che verranno date.
In generale è fondamentale scoprire la persona da indumenti caldi ed effettuare spugnature con acqua fredda nei punti di maggiore efficacia (nuca, collo, ascelle, radice delle cosce). Se la vittima è cosciente, somministrare bevande fredde privilegiando bibite ad alto contenuto salino. ln ogni caso è fondamentale assistere e rassicurare la vittima, aspettando l'arrivo dei soccorsi professionali.

 

 

Archivio News

CROCE VERDE LUGANO, via alla Bozzoreda 46 - 6963 Lugano-Pregassona, tel. +41 91 935 01 11 • Privacy e Cookie Policy • Croce Verde Lugano 2019 All rights reserved